L’Alto Commissariato delle Nazioni Unite (UNHCR) premia Cromology Italia per il suo impegno nell’inserimento professionale dei rifugiati

Il premio è stato conferito per l’impegno dimostrato nel favorire inserimento professionale e integrazione dei richiedenti asilo e beneficiari della protezione internazionale

Cromology Italia è stata premiata a Milano dall’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati (UNHCR) per l’impegno dimostrato nel favorire l’inserimento professionale e l’integrazione dei richiedenti asilo e beneficiari della protezione internazionale, coinvolti in diverse attività in collaborazione con le amministrazioni comunali di Lucca, Siena e Genova.
I progetti hanno riguardato rispettivamente: la riqualificazione urbana del Parco Fluviale del Serchio (Lucca), l’opera di manutenzione alle panchine dei giardini della Lizza e al Parco delle Rimembranze (Siena), e il recupero degli arredi urbani nelle piazze del Municipio Medio Levante e delle ringhiere di Boccadasse (Genova).

L’azienda leader nel settore delle vernici ha ritirato questo prestigioso riconoscimento nella persona di Enrico Galardini, Corporate Social Responsibility Coordinator, ed è stata selezionata insieme ad altre tre aziende nella categoria “Grandi Imprese”.

Il riconoscimento è stato formalizzato presso la sede di Assolombarda, alla presenza dei rappresentanti del Comune e della Prefettura di Milano, durante la cerimonia di conferimento, da parte dell’UNHCR, del logo Welcome – Working For Refugee Integration.

Questo riconoscimento è per tutti noi motivo di grande orgoglio – dichiara Enrico Galardini – Aiutare i rifugiati che arrivano in Italia a integrarsi attraverso il lavoro è secondo noi un dovere morale, soprattutto in questo momento storico. Cromology conferma ancora una volta la sua estrema attenzione a tutti i temi di carattere sociale”.

Cromology premiata dall’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati (UNHCR)