Mercato immobiliare: la manutenzione della casa diventa essenziale per mantenere il valore dell’immobile

Perché è importante la manutenzione per incrementare il valore della casa? Oltre ai benefici strutturali e accessori, diventa un punto di forza non trascurabile, per mantenere alto il valore dell’immobile nel mercato immobiliare.

Perché puntare sulla manutenzione per incrementare il valore della casa?

Ci sono interventi di manutenzione della casa necessari da effettuare. Altri invece, aumentano esclusivamente il comfort abitativo. I lavori da fare su un immobile sono davvero tanti ed è possibile dividerli in manutenzione ordinaria e manutenzione straordinaria.

Lavori di manutenzione ordinaria

La manutenzione ordinaria solitamente non implica l’apporto di modifiche alle strutture esterne o alle dimensioni della casa. Solitamente infatti, non necessita di specifiche richieste di autorizzazioni al Comune.

Si tratta solitamente di:

  • installazione di serramenti
  • interventi per migliorare l’impianto elettrico o idrico

Lavori di manutenzione straordinaria

I lavori di manutenzione straordinaria includono tutti quegli interventi che hanno come obiettivo il consolidamento o il rinnovamento della struttura dell’edificio. Sono lavori che apportano modifiche consistenti in una casa. Prima di iniziare i lavori è necessario richiedere delle precise autorizzazioni al Comune.

Tra i lavori di manutenzione straordinaria rientrano:

  • interventi sulla facciata esterna
  • realizzazione di giardini, balconi o cortili
  • rifacimento del tetto

Definizione del valore dell’immobile

Il valore di mercato di un edificio è l’importo stimato (tra un acquirente e un venditore) al quale l’immobile verrebbe venduto alla data della valutazione.

Tra i principali coefficienti di merito per una migliore valutazione della casa, rientra anche lo stato di conservazione. Il buono stato di una casa non agisce né in maniera positiva né in maniera negativa sul valore dell’immobile. Al contrario però, un ambiente da ristrutturare lo penalizza del 10%. Se invece la casa è ristrutturata, il suo valore sale del 10% (dati Osservatorio mercato immobiliare).

migliorare immobile mercato immobiliare
www.pixabay.it

Valore dell’immobile tra qualità e ottime condizioni

Altri aspetti fondamentali da tenere in considerazione in vista di una ristrutturazione sono l’aspetto ottimale rispetto all’anzianità dell’edificio e l’impianto di riscaldamento. I possono essere sintetizzati così:

  • Edificio da 1 a 20 anni: acquisisce un malus del -5% se è in condizioni scadenti
  • Edificio da 21 a 40 anni: ha un bonus del +5% sul valore se tenuto in ottimo stato mentre se viene considerato in pessime condizioni viene valutato del -10%
  • Oltre i 40 anni: +10% se tenuto in ottime condizioni e -15% se ritenuto in pessimo stato

Per quanto riguarda il riscaldamento invece, a prescindere dall’età dell’abitazione, quello autonomo ha un coefficiente di merito di +5% mentre quello centralizzato con contabilizzatore vale il +2%.

La cura degli interni e della pittura delle pareti

Ci sono zone della casa, come l’ingresso o la sala, che attirano immediatamente l’attenzione dei potenziali acquirenti. Se le pareti di casa sono in perfetto stato e quindi senza crepe, scrostature e muffe, allora si consegnerà loro un potenziale spazio perfetto per vivere.

Una parete con determinate finiture o colori ricercati è un valore aggiunto per la casa. Affidarsi a un professionista del settore può aiutarti a trovare il giusto compromesso sulla manutenzione e finitura da realizzare.

Anche con dei piccoli interventi di home staging è spesso possibile cambiare look della propria abitazione rendendola più gradevole, armonica e confortevole, sia per sé stessi che in caso di vendita.